Sending
User Review
5 (1 vote)

ACIDS  Cosa sono, Tipi, Proprietà, Classi e Applicazioni

Cos’è un acido?

La parola acido deriva dal termine latino acidus che significa acido o amaro. L’acido è una sostanza che quando viene a contatto con l’acqua aumenta la concentrazione di ioni idrogeno e, se combinato con le basi, si formano dei sali.

Una base è un elemento che possiede alcalinità che in combinazione con un acido produce sale e acqua, una reazione che viene chiamata base acida. A seconda della temperatura, gli acidi possono essere solidi, liquidi o gassosi, e a causa della loro forma si presentano come sostanze o soluzioni pure.

Normalmente consumiamo molti alimenti come il limone, tra gli altri, che hanno un sapore acido, nonostante questa sensazione, il limone quando entra nel nostro organismo è il cibo più alcalino che esista.

Nelle diverse teorie della base acida, l’acido è definito come segue:

  • Acido di Arrhenius (1884).

Il chimico svedese Svante Arrhenius, lo definisce come un elemento chimico in grado di rilasciare ioni idrogeno in un liquido.

  • Acido Brönsted-Lowry (1923).

Per i chimici Johannes Brönsted e Thomas Lowry è una sostanza in grado di emettere un protone.

  • Acido di Lewis (1923).

Gilbert Lewis, fisico americano, lo concettualizza come una specie che accetta una coppia di elettroni da un altro elemento, per raggiungere la stabilità.

Proprietà dell’acido

Gli acidi si distinguono per le seguenti caratteristiche:

Hanno un sapore sgradevole e amaro.

Cambiano colore con gli indicatori di pH, ad esempio la cartina tornasole blu si trasforma in rosa, e la carta metilica arancione assume un colore rosso, il suo livello di pH è superiore a 7.

È un elemento altamente abrasivo.

È un elemento altamente abrasivo, che rilascia idrogeno quando viene miscelato con alcuni metalli attivi.

Ha un aspetto viscoso.

Può causare ustioni sulla pelle.

Crea effervescenza quando entra in contatto con il marmo.

Se concentrato, distrugge i tessuti biologici.

Ottimo conduttore di elettricità in mezzi acquosi.

Reagisce con basi e ossidi metallici che formano sale e acqua.

Ha un effetto se miscelato con carbonati, bicarbonati e solfuri metallici.

Le sue proprietà scompaiono quando interagisce con le basi.

Classificazione dell’acido

L’acido può essere classificato in due grandi gruppi a seconda della sua composizione:

  • Inorganico o minerale, è composto da idrogeno e altri elementi, ad eccezione del carbonio, che in una miscela acquosa produce ioni idrogeno.

Le sue caratteristiche sono che neutralizza le basi, senza acqua è gassosa o solida, e si divide in acidi e in idracidi.

  • Organica, la sua struttura si basa sulla sostituzione di alcuni atomi di idrogeno, con uno di ossigeno e un gruppo idrossile.
    Non si sciolgono in acqua ma in soluzioni organiche e sono meno reattivi degli acidi inorganici.

Reagiscono con le basi per produrre sali e con gli esteri dell’alcool.

Possono essere monocarbolici, dicarbolici, policarbolici e sulfonici.

Sono classificati come segue:

  • Dal numero di ioni idrogeno:

Monoprotici: possiedono nella loro struttura molecolare un idrogeno (acido nitrico)
Diprostica: Il corpo è costituito da due atomi di idrogeno (acido carbonico).
Poliprostica: costituita da tre molecole di idrogeno (acido fosforico)

  • Basato sulla capacità di ionizzazione:

Debole: il suo livello di ionizzazione in acqua è basso o parziale, dando luogo ad una reazione di equilibrio (acido etanoico).

Forte: ha un processo di ionizzazione completo in acqua, dove tutti i suoi protoni sono donati (acido nitrico).

Gli acidi più comuni e le loro applicazioni

ACIDS  Cosa sono, Tipi, Proprietà, Classi e Applicazioni

L’acido è solitamente utilizzato in processi industriali o chimici, e secondo la sua classificazione troviamo i seguenti impieghi:

Acidi minerali o inorganici:

Idrocloridrico: utilizzato nella raffinazione dei minerali di stagno, per convertire l’amido di mais in sciroppo e come conciatore nell’industria della pelle.

Solforico: utilizzato nella carta cerata, nella raffinazione di oli vegetali, nell’estrazione dell’uranio e nella disossidazione del ferro e dell’acciaio.

Perclorico: nell’industria degli esplosivi, come solvente per metalli e leghe.

Sulfamidico: utilizzato nel trattamento delle superfici, come candeggina nell’elaborazione della carta e come stabilizzante del cloro nelle piscine.

Nitrico: nella produzione di fertilizzanti, esplosivi e nella metallurgia.

Acidi Solfonici

Generalmente si prestano a prodotti per la pulizia di pavimenti, superfici dure e piastrelle per il bagno.

Acido benzensulfonico: viene applicato nella disidratazione e in un’ampia varietà di farmaci.

Metansulfonico: appare in pulitori aerosol multiuso.

Acidi carbossilici

Sorbico: viene utilizzato nell’elaborazione di conservanti, plastiche e lubrificanti.

Acetico: è presente nell’aceto, nel solvente per vernici, nella pellicola fotografica e nelle gomme.

Citrus: è un ingrediente per bevande gassate.

Proprionico: funge da assistente nella stagionatura del formaggio svizzero.

Acetilsalicilico: è la base per la formulazione di analgesici, antipiretici e antinfiammatori.

Acrilico: utilizzato nella creazione di vernici, resine elastiche e adesivi trasparenti.

Oleico: nella produzione di detersivi, shampoo e altri cosmetici.

Acidi vinilici carbossilici:
Ascorbico: è il componente essenziale per la vitamina C.

Acido negli alimenti

ACIDS  Cosa sono, Tipi, Proprietà, Classi e Applicazioni
Come accennato in origine, il sapore acido del cibo non ha nulla a che fare con il suo effetto sull’organismo, a causa della quantità di reazioni chimiche che ne modificano le proprietà nutrizionali.

Piuttosto, se un alimento contiene acido è determinato dal suo contenuto di minerali e soprattutto da come reagisce con il pH quando entra nell’organismo.

Come il cibo abbassa il pH mentre interagisce nel corpo sarà più acido, fermando la crescita dei batteri.

Uno dei principali minerali utilizzati dal corpo per neutralizzare l’acidità nel sangue è il calcio delle ossa e dei denti.

Gli alimenti con maggiori proprietà acidificanti comprendono caffè, tutti i prodotti trasformati, zucchero, farina raffinata, latte e latticini, mais, lenticchie, zucca, prodotti di panetteria e pasticceria, riso, pasta, biscotti, bevande artificiali e alcol.

Gli acidi grassi saturi come l’acido palmitico e l’acido stearico sono presenti anche nei grassi animali e nel cioccolato.

Gli acidi grassi insaturi come l’oleico, il linoleico e l’arachidonico si trovano negli oli vegetali, nel pesce e nei frutti di mare, noti per il loro elevato contenuto di Omega 3.

L’acido butirrico è incluso nel burro, nel parmigiano e nel latte crudo, mentre l’acido caprilico si trova nel latte materno e nel cocco.

ACIDS  Cosa sono, Tipi, Proprietà, Classi e Applicazioni